267° Giorno: Essere (Be..)

267° Giorno: Essere (Be..)

!!!E con oggi siamo arrivati al 266° Giorno!!!
“Solo” altri cento giorni al concludersi di questo anno e con esso questo progetto, partito come “qualcosa così” ma che ogni giorno mi sta regalando sempre più fantastiche emozioni!
Naturalmente un grande Grazie a voi tutti per il continuo supporto,  e per essere parteci con me di questa piccola avventura!

Buona Lettura

 

Essere,
camminare ed essere,
sentire tutto in ogni suo dettaglio,
spinoso e ondulato,
grinzoso e raffinato.

Essere,
sentendo tutto questo
in ogni sua singola vibrazione,
sotto la luce del giorno,
permettendo di distinguere le forme,
la profondità della realtà.

Essere,
percependo sè stessi,
percependo il mondo,
il suo vivere e il suo morire,
il suo muoversi irrefrenabile,
nella corporeità dell’universo.


Be,
walk and be,
hear everything in every detail,
thorny and wavy,
wrinkled and refined.

Be,
hearin all this
in every single vibration,
under the light of day,
allowing to distinguish the forms,
the depth of reality.

Be,
perceiving themselves,
perceiving the world,
his life and his death,
his move unstoppable,
in the corporeal universe.

 

AM

Ph:Peter Lobozzo

266° Giorno: Cade.. (It Falls..)

266° Giorno: Cade.. (It Falls..)

Le 16.21 di oggi sarà l’istante preciso in cui finirà l’estate e inizierà questa nuova stagione molto apprezzata dai fotografi per i suoi caldi colori!

Buon Equinozio d’Autunno a tutti,
e Buona lettura!

 

Ingiallisce,
e cade leggera
nel soffice terreno,
pigmentando il terreno di calde sfumature,
creando un tappeto colorato,
che risalta il colore del sole.

Ingiallisce,
e cade seguendo il soffio del vento,
questa sorgente infinita di rinnovamento,
donandosi alla terra,
morendo,
per renderla fertile.

Ingiallisce,
e cade
baciata dagli ultimi raggi estivi,
superando i confini dello spazio e del tempo,
divenendo immortale.


It turns yellow,
and it falls light
in the soft soil,
pigmenting the land of warm tones,
creating a colorful rug,
which stand out the color of the sun.

It turns yellow,
and it falls following the blowing of the wind,
this infinite source of renewal,
giving itself to the earth,
dying,
to make it fertile.

It turns yellow
and falls down
kissed by the last summer rays,
beyond the boundaries of space and time,
becoming immortal.

 

AM

Ph: Seth Doyle

265° Giorno: Alle porte dell’Estate (At the summer doors)

265° Giorno: Alle porte dell’Estate  (At the summer doors)

Si pregusta il sapore dell’autunno,
che alla porta bussa
chiedendo d’entrare,
portando con sé colori caldi,
che l’estate lentamente
ha aiutato a maturare;
portando con se sapori
che destano il palato,
ricordi di un tempo infantile,
ormai superato.


Foretaste the taste of autumn,
who knocks at the door
asking to enter,
bringing with it warm colors,
that summer slowly
helped to mature;
bringing with it flavors
that arouse the palate,
memories of a childhood time,
passed.

AM

Ph:Wilson Magalhães

264° Giorno: Le Mancanze del Cuore (The Shortcomings of the Heart)

264° Giorno: Le Mancanze del Cuore (The Shortcomings of the Heart)

Mi manca la vicinanza,
quella sensazione di pieno,
di calore,
che scatena brividi nel corpo.

Mi manca quell’unione unica,
affina,
che elimina ogni dubbio.

Mi manca quel battito di cuore regolare,
mentre disteso,
respiro il tuo respiro.

Mi manca quel momento,
quel dolce momento..

Manca e basta.

E nell’evanescenza,
il nulla.
E nel sogno,
la voglia di rivivere tutto.


I miss the closeness,
that feeling full,
heat,
that triggers chills in the body.

I miss that unique union,
similar,
which eliminates any doubt.

I miss that regular heartbeat,
while I’m laying,
breathing your breath.

I miss that moment,
that sweet moment ..

Just missing.

And in the evanescence,
nothingness.
And in the dream,
the desire to relive it all.

 

AM
Ph:Freestocks.org

256° Giorno: Corri!

256° Giorno: Corri!

Corri,
corri, tra la savana
corri tra le steppe e tra praterie lontane,
corri…
sotto cieli blu, tinti di rossi infuocati,
nuvole passeggere,
pioggia.
Corri,
tra le foreste di questo mondo,
tra boschi ombrosi e tracciati.
Corri,
tra le cime limpide e imbiancate,
su spiagge lucenti
immergedo i piedi in acque fresche..
Corri,
esplorando con il cuore,
provando liberta,
tra ricchezza e povertà,
tra musiche inebrianti
e tra il silenzio più assoluto.
Corri,
in ogni angolo del mondo,
portando un pezzo di esso nel tuo cuore,
creando puzzle da incorniciare.
Corri,
sotto le stelle che la natura ci ha donato,
liberando tra le nuvole quei pensieri di oppressione.
Corri,
sempre e comunque,
tra gli anni del tuo tempo,
aprendo te stessa,
aprendoti all’amore,
lasciando entrare questa brezza fresca estiva,
che fa bollire il sangue di gioia,
scorrendo libero,
scorrendo per te.
Corri,
continua a correre..
e vivi!

AM

 

Ph: Web

 

254° Giorno: Ai passi del tempo

254° Giorno: Ai passi del tempo

Innovazioni,
frazionano i tempi,
portando il futuro della mente,
nel presente.

AM

 

Ph:Web

253° Giorno: The Healing Power

253° Giorno: The Healing Power

The Healing Power
insieme a “Till we fall” i titoli dei due novi singoli appena usciti di un mio caro amico, Riccardo Tronca. Ve lo ricordate il duo “Interno11“? Ecco bene, il cantante! 😉
Dedico a lui questi semplici versi nati mentre ascoltavo “The Healing Power”  che potete trovare su googlePlay o su iTunes, una canzone a mio avviso (non perchè lo conosco, se c’è da criticare lui lo sà, critico! 😉  dal ritmo molto audace e che ti prende immediatamente!

Due canzoni molto diverse l’una dall’altra, con due stili e due caratteri propri!
A voi scoprirli! 😉

A Lui ancora un grande applauso virtuale!!!12.gif
mentre a voi una buona lettura
e buon ascolto! 🙂

 

Magnetiche pulsazioni,
scatenano il corpo e la testa
a seguire questo ritmo incalzante.
Lungo le vene,
le vibrazioni scorrono unisone
in uno sballo di emozioni,
tuonano immagini,
sensuale sensazione..
E nel flusso dei minuti
l’intreccio con lo spazio..
ballo.

AM

Ph: Ben White

Music: Riccardo Tronca