La poesia di oggi la deichiamo alla solitudine.
A quella solitudine però, che ci spinge ad estraniarci dagli altri e dal mondo per capire meglio un nostro dolore, sfogarlo, viverlo!
A quel tipo di sentimento che permette di reinterpretare la visione delle nostre interazioni sociali e farci riflettere su alcuni passi del nostro percorso.. A quella solitudine cercata, che ci spinge ai limiti del nostro pensiero, che ci fa male ma allo stesso tempo in qualche modo, ci conforta.

Buona Lettura

 

Ti senti solo,
e solo,
ti fai cullare dal tuo dolore,
dalla tua solitudine ti fai prendere,
ti lasci andare
come se fossi vento,
ti sorridi,
piangi,
urli indifferente
alle cose che ti stanno intorno.
Indifferente al mondo in cui sei nato,
indifferente all’amore.
Senti il silenzio
e cerchi di ignorarlo invano,
ti senti solo…
ma,
d’un tratto un’euforia passa
ti prende e scappa,
lasciandoti un quaolcosa di hce,
un qualcosa di “non so”,
un qualcosa di incomprensibile,
quella solitudine prima sconosciuta e triste,
la senti calda,
accogliente,
strana,
ma allo stesso tempo familiare,
un po’ come l’amore
incomprensibile,
libero,
ma allo stesso tempo naturale.
Hai voglia di urlare nuovamente…
ma di gioia e euforia…
Hai voglia di esplodere,
di rilasciare quello che hai dentro
in un solo e forte attimo.
Tutto in un soffio caldo e leggero,
una cosa incomprensibile…
ma,
bella.

AM

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...