152° Giorno: Eco

152° Giorno: Eco

Casa,
sola,
unica,
isolata.
Sviluppi vita..
E nelle interazioni evolutive,
l’incrocio simbiotico con l’ambiente,
che crea pensiero energetico
di rispetto e continuità.

AM

Ph: Web

Annunci

151° Giorno: Mare

151° Giorno: Mare

Ci si prepara all’Estate! 😉

Buona Lettura

 

Mare

che fai splendere nelle tue acque il cielo,

che guardi il passare del tempo,

che vedi civiltà crescere e cadere.

Nella tua profondità

celi grandi misteri sconosciuti.

Mare

che hai il potere della vita e della morte,

Mare

che nell’arco dei tempi

hai visto passare navi da guerra,

che portavano urla e sofferenza.

Mare

dove i giovani

si divertono spensierati,

senza preoccuparsi dei problemi del mondo.

Mare

dove l’amore sboccia in continuazione,

dove la fratellanza non ha confini.

Mare

che rispecchi la realtà dell’anima delle persone.

Mare

che rispecchi la vita di persone umane.

 

AM

Ph: Francesca De Marchi

 

150° Giorno: Guardando ricordi felici

150° Giorno: Guardando ricordi felici

Che bello guardare fuori,
e pensare ai momenti passati con gli amici
a giocare insieme.
Si giocava per ridere,
così,
solo per divertirsi un po’..
Quanti giochi inventavamo
per stare insieme,
per passare anche solo un minuto in compagnia.
Non cerano competizioni sanguinose,
premi per il migliore,
non cerano rivalità…
Qualche volta si urlava è vero,
ma erano urla passeggere,
litigi di bambini spensierati
che non sapevano ancora
quant’è grande il mondo…
Un mondo troppo grande,
un mondo dove la spensieratezza,
la lealtà, la vita,
si disperdono e svaniscono
come fumo,
in uno sbuffo di noia,
di arroganza,
di voler vincere…
Non si pensa più a ridere.
Guardo fuori e vedo dei bambini giocare,
il loro sguardo mi ricorda il mio…
Quando vedo i loro sorrisi,
il mio animo colmo di tristezza
si riempie di gioia,
i pensieri negativi si tramutano in
una miccia di speranza
che si infiamma nel mio cuore.
Il gioco esiste! Esiste!
perché noi bambini eterni,
lo tramanderemo
e porteremo nel cuore.

AM

Ph. Francesca De Marchi

149° Giorno: Il piacere della distrazione

149° Giorno: Il piacere della distrazione

Nel campestre silenzio della natura,
raggi di sole,
si disperdono
in riflessi dorati.

E io,
distolto da tutto questo,
ne rimango
piacevolmente assorto.

 

AM

Ph. AM

148° Giorno: Nella tarda ora

Nello scoccare della notte stellata,
si attenua il desiderio d’agire,
e nella calma,
un placido sentimento di quiete mi pervade.
E con gli occhi persi nel firmamento,
la voglia di respirare aria pura,
Frinire di cicale.

AM

147° Giorno: Sciogliendo catene.

147° Giorno: Sciogliendo catene.

Cadendo nella disperazione,
dinnanzi al limite del burrone ,
dove si arriva ad odiare ciò che si ama,
dove si arriva a scappare
da questi contesti monotoni,
la voglia di fuggire.

E nel viaggio
dove tutto accade per una ragione,
la ricerca di un nuovo amore,
che temerario nel suo atteso sentimento,
con forza ci scuote,
rivendicando la nostra felicità,
per essere finalmente e degnamente
apprezzata.

E in questa nuova vita,
lontano da tutto il passato,
la volontà di rimettersi in gioco,
alimentata
dalla forza di questa nuova speranza,
che nella preghiera e nel pensiero
si fortifica di tempo,
duraturo e solido.
AM

 

Ph:

Daria Nepriakhina

146° Giorno: Nel Movimento (In the movement)

146° Giorno: Nel Movimento (In the movement)

Un movimento sensuale,
in ritmo infuocato,
cadenza da un cuore coinvolto.
Ad ogni passo un tutt’uno,
che nel continuo fluire,
esplode di passione.

A sensual movement,
in a fiery rhythm,
cadence by an involved heart.
In every step, a whole,
that in a continuous flow,
explodes of passion.

 

AM

Ph: Web